sabato 29 giugno 2019

Carola la violentatrice




"Sono responsabile per le 42 persone salvate in mare, che non ce la fanno più. La loro vita viene prima di ogni gioco politico."

La "cronaca" la leggerete e la guarderete in queste ore, se non lo state già facendo, su giornali, tv, media, pagine Facebook, altri "media": ce ne sono di tutti i tipi. Così saprete che, stamani, Carola Rackete ha forzato il "blocco" a Lampedusa, con la Sea Watch, ha fatto sbarcare i 42 migranti che aveva a bordo ed è stata immediatamente arrestata per il reato di "resistenza o violenza a nave da guerra" (che prevede fino a 10 anni di carcere).

Povera nave da guerra. E' tutta una violenza. A Lampedusa, mentre molti manifestavano in solidarietà con la Capitana, c'era pure un gruppetto di leghisti -guidati dall'ex sindaca Angela Maraventano. La quale dichiarava (anzi berciava, come sembra): "Vergognatevi! Siete i complici degli scafisti. Questa è la mia isola e voi la state invadendo. Fate scendere i migranti ma la capitana deve essere arrestata immediatamente. L'Italia questa sera è stata violentata."

Povera nave da guerra. E povera isola della leghista sicula, così "violentata" assieme all'Italia intera. Uno stupro di massa perpetrato da una ragazza tedesca al comando di una nave che va a salvare delle persone in mezzo al mare, una delle prime leggi elementari dell'Umanità. Povera "guardia di finanza", la cui motovedetta rischia di essere schiacciata da una nave che sta cercando di attraccare in un porto: un reato gravissimo. Tipo quello della "nave da guerra" italiana, tale corvetta "Sibilla", che il 28 marzo 1997, giorno del Venerdì Santo, schiacciò giustappunto una carretta albanese carica di 120 profughi, la Katër i Radës, mentre cercava di attraccare in un porto italiano, un porto di questo paese così violentato. E ci riuscì benissimo, la "Sibilla", la nave da guerra: 81 migranti morti. Grazie al blocco navale allora decretato, si badi bene, dal governo di Romano Prodi. "Katër i Radës", il nome della nave che non resistette alla nave da guerra, significa: "Battello in rada".


Di fronte a tutta questa cieca violenza nei confronti della nave da guerra, dell'isola della Maraventano (Lampedusa è sua, se non lo si fosse capito: infatti è nata a San Benedetto del Tronto, e si fece notare, nel periodo in cui era sindaca, per la proposta di annettere Lampedusa alla provincia di Bergamo) e dell'Italia intera si potrebbero dire tante cose. Ma ora come ora non credo sia il caso. Ne bastano due, molto semplici.

La prima è che Carola Rackete va nelle galere di uno stato fascista, guidato da un bambino che gioca nella vasca con le paperette e che fa la collezioncina di felpe e divise di ogni tipo mentre si prepara gli spaghetti col sugo Star. Uno stato fascista e oramai del tutto disumano, come disumano è il crasso consenso che riscuote. Carola va in galera, infatti, proprio in nome dell'Umanità superstite, ferita, sconciata, derisa, incarcerata; ma esiste ancora e forza i blocchi.

La seconda potrebbe essere riassunta con una sola parola. Ma non la dico. Coraggio, Carola, du hast wohl getan.



martedì 4 giugno 2019

Fozzammàte



Le inevitabili premesse sono: a) che, come sempre, non sono andato a "votare" per le "elezioni europee" e roba del genere; b) che sono profondamente convinto, come messo in luce e ribadito da tanti, che tutte le percentuali che comunque ne sono venute fuori sono in realtà percentuali di percentuali (il famoso 34% di Salvini è il 34% del 68%, ad esempio); c) che, per me, tutte le feste di "repubbliche" con annesse sfilate e parate militari potrebbero tranquillamente finire nel cesso dimenticatoio assieme alle relative repubbliche, "costituzioni", "elezioni" e quant'altro.

Detto questo, mi ritrovo davanti (grazie a Autolesionistяа) ad un'immagine del genere, scattata davanti ar Colossèo durante la festa della repubblica del due giugno. Esiste, cioè, un cinque o sei per cento del sessantotto per cento che sono andati a votare per tale "giorgia meloni" e per il suo raggruppamento di fratelli d'itàglia, tra i quali gli autori dello striscione raffigurato nella foto.

Ora, alcuni -e forse a ragione- li definiscono una mànica di fascisti. Come tutte le màniche di fascisti che imperversano attualmente in questa repubblica, hanno attualmente un gran successone e non v'è da stupirsene affatto; né tantomeno che lo abbiano in quartieri proletari e/o in città storicamente "rosse" come Pisa, Livorno o Piombino (dove, addirittura, sta per essere eletto sindaco un candidato proprio dei suddetti fratelli d'itàglia).

Detto questo, bisognerebbe però avere presente la giorgiamelòni. E i suoi accoliti. Bisognerebbe, e il condizionale è d'obbligo. Immaginarla come amazzone guerriera, che so io. No peace, no love. Immaginarla a capo delle forze armate che piacciono tanto a' su' fratelli d'itàglia. Immaginarla in tenuta da combattimento; immaginarla mentre difende eroicamente la nazione dalle 'nvasioni, giòvine e ardita pulzella non seconda a Giovanna d'Arco.

Bisognerebbe, appunto; ma dubito che, in fondo, servirebbe a qualcosa nell'attuale idiocrazia itagliàna, dominio del ridicolo. E' per l'appunto il ridicolo che è pericolosissimo; molto più del fascismo. E è del tutto trasversale.

mercoledì 22 maggio 2019

Tre donne, una bambina, un somaro e uno sbarco



A volte si ritirano fuori vecchie foto, senza un perché e senza un percome. Si ritirano fuori e basta.

A rigore, questa è la fotografia di una fotografia. Non ho né uno scanner, né altri marchingegni del genere. Ho sempre la mia (oramai antidiluviana, credo) fotocamerina digitale, che mi basta e mi avanza; quindi, per riprodurre la foto che si vede qua, l'ho fotografata.

La foto, quella originale, è dell'estate del 1948; una volta, spesso, con la matita si usava scrivere la data o l'anno di una fotografia.

Vi si vedono tre donne, una bambina e un somaro mentre salgono su per un ripido sentiero da una spiaggia deserta. Si immagina facilmente il sole a picco.

Siamo all'Isola d'Elba, su una delle sue pietraie della parte occidentale. D'estate, il sole non è uno scherzetto in quei posti là. Ci sono delle località che hanno nomi evocativi da quelle parti: quando uno si ritrova a Seccheto, al Forno, a Sassomorto o a Bollecaldaie penso che non vengano in mente verdi prati, ombrose frasche o chiare, fresche e dolci acque.

Le tre donne, la bambina e il somaro stanno invece risalendo da un posto, quello con la spiaggia, che si chiama Fonza. Non so da che cosa venga questo nome; ma, come quasi tutti quelli di quella zona dell'Elba, ha il suo gemello, o comunque un nome assonanzato, in Corsica. La Corsica, la sorella più grande, è lì davanti. 

La donna all'estrema destra della foto è mia nonna Maria, nata a Portoferraio lo stesso giorno in cui, a cento metri di distanza, moriva l'anarchico Pietro Gori. I famosi capricci del destino, come si dice. E' morta la vigilia di Natale del 2000. Nella foto aveva trentasette anni; era vedova da due anni dopo che s'era sposata. Mio nonno, suo marito, si chiamava Francesco, come poi mio fratello. Lavorava alle acciaierie di Portoferraio, morì sul lavoro nel 1935 preso in pieno da un carrello di una tonnellata di peso, mentre era su una passerella.

La donna al centro è mia zia Clara, nata il 14 agosto 1927 a Marina di Campo, grande raccoglitrice di caffettiere, di ricette e di strofe popolari che trascriveva in dei quaderni. Nel 1972, quindi non più da ragazza, si comprò un motorino "Ciao" per andare a lavorare; da allora fu soprannominata "Ago", come Giacomo Agostini, il famoso motociclista. La chiamavano anche "la Fiorina" per la sua abilità nel coltivare fiori e piante; seminava, tra le altre cose, un basilico in delle vecchie tinozze di latta riempite di terra, che faceva delle foglie di una grandezza mai vista. E' morta il 13 luglio del 2014, con la testa che oramai batteva la campagna. Nella foto ha ventuno anni.

La ragazza è mia madre. Si chiama Luciana. E' nata il 16 ottobre del 1933 e è ancora viva, anche se non sta punto bene. Nella foto ha quindici anni, ha il cappello più grande e, anche se sta un po' piegata, si vede chiaramente che è altissima. Così si capisce "da chi ho preso", e anche quel che mi dicevano sempre da piccolo: "Verrà più alto di zio Fausto". Questo zio Fausto, che ho fatto appena in tempo a conoscere, era alto un metro e ottantadue e doveva essere il gigante di famiglia; l'ho passato di una decina di centimetri e rotti, in effetti.

La bambina non so chi sia, e mia madre non se lo ricorda.

Il somaro si chiamava Gustavo. Le tre donne e il somaro hanno il capo coperto, come si conviene. Il somaro era pienamente uno di famiglia, e giustamente gli hanno coperto il capo con una specie di cappello da gondoliere. Sicuramente anche un po' per scherzo, per fargli la fotografia. Qualcuno la deve aver fatta, quella fotografia, e chissà chi sarà stato. Non erano tempi di "selfie". Un po' per scherzo, ma un po' anche per non fargli scottare il capo, povera bestia. 

Nessuna lo monta, nonostante l'erta sotto il sole. Nemmeno la bambina, che peraltro è l'unica a capo scoperto (o almeno così sembra dalla foto). Questo non è uno scherzo: è un atto di rispetto per un animale che faticava. Come un somaro, appunto. 

Sembra una specie di occasione di festa, o di svago. Le tre donne e la bambina sono vestite abbastanza bene, con proprietà. Mia madre, un'adolescente, si tiene un po' la sottana del vestito che sembra svolazzare al vento. Doveva essere un vento secco e bollente; non lo scirocco. Lo scirocco non fa respirare, porta nuvole grasse e puzzolenti di formaggio e ti fa passare la voglia di fare qualunque cosa.

Tre donne, una bambina e un somaro, un giorno d'estate di settantuno anni fa.

A Fonza, in realtà, ci stavano di casa. Quattro anni prima, una mattina di giugno dove lo scirocco, e di quello peso, invece c'era, si erano viste un intero sbarco alleato in casa; tra tutti i posti per lo sbarco, le forze francesi comandate dal generale vandeano De Lattre De Tassigny avevano scelto il posto dove abitava la mia famiglia: l' Opération Brassard.



Il filmato per le United News mostra tutto lo sbarco a Fonza del 17 giugno 1944. Vi si vede la stessa spiaggia e la stessa erta percorsa quattro anni dopo da quelle tre donne, dalla bambina e dal somaro. A 13'27" del filmato si cominciano a vedere spesso la casa e il magazzino della mia famiglia, che furono ovviamente requisiti. Vi si vedono le forze francesi, composte prevalentemente da tirailleurs marocchini e senegalesi; così, se vi capiterà di fare un giro al cimitero vecchio di Marina di Campo, quello di San Mamiliano, capirete perché c'è un monumento ai caduti con una scritta in arabo che dev'essere un versetto del Corano. Mia nonna, quella all'estrema destra della foto con le due ragazze, la bambina e il somaro, tirò una secchiata piena d'acqua in testa a un soldato senegalese che, diciamo, le aveva messo un po' gli occhi addosso. Se la vide brutta. Comunque, anche a Marina di Campo e dintorni nacquero due o tre bambini con la pelle scura, come nella canzone napoletana Tammurriata Nera.

A 14'09" del filmato si vede il magazzino di casa mentre vi viene issata la bandiera francese. Mia madre, che per tutta l'occupazione, alta e bionda com'era, era stata letteralmente sfamata da un soldato tedesco che la aveva presa a benvolere, si ricorda che mio zio Ulisse (all'epoca ventottenne) aveva aiutato i soldati a tirare su la bandiera; ma nel filmato non si vede.

Sono solito dire che non tutti possono dire di avere avuto un intero sbarco alleato in famiglia; anzi, proprio in casa. La casa, il magazzino e il terreno di Fonza sono stati venduti nel 1961 a degli industriali di Biella, che ci si fecero la villa al mare. Io ci sono stato pochissime volte, anche da ragazzo; c'era una stradaccia orrenda che spaccava qualsiasi macchina si azzardasse a percorrerla. La vedo sempre da Galenzana, quando ci vado; sta proprio là davanti, dall'altra parte del golfo. Con la vendita di Fonza fu costruita la casa al Formicaio.

Quattro anni dopo lo sbarco, in un dopoguerra, tre donne, una bambina e un somaro con il cappello da gondoliere salivano per quelle ripe, su verso il Monte Tambone, in una giornata d'estate piena. Mi mancavano ancora parecchi anni a nascere; sono del 1963. Nella fotografia, a parte mia madre e (forse e lo spero) la bambina, sono tutti morti.

A volte si ritirano fuori le vecchie foto. Non c'è un motivo, non c'è nessun anniversario, non c'è un'occasione speciale, non c'è nemmeno l'impeto dei ricordi. Non ci potrebbe del resto essere, dato che non c'ero. Solo una fotografia, né più e né meno.

giovedì 16 maggio 2019

Ciao Paolo, ora gliele suoni



Lo so che non c'è un accidente di niente da quell'altra parte. C'è solo il Vastissimo Nulla dove non ci sono più né l'Adesso, né il Qui.

Però, Paolo, mi piace immaginare che ora gliele suoni.

Gliele suoni quelle divine aule, glieli suoni quegli immensi spazi, gliele suoni quelle eteree navate di nubi. Come facevi con una stanza qualsiasi. La suonavi.

Niente arpe. Scotch da pacchi trasparente. Scratch, scratch, scratch ritmico. Prendi la canna e gliela sberci roteandola. Una sèggiola, levi i tappini dalle zampe e giù di perepééééé. Cuscini sbattuti. Clangori di suppellettili. Piattacci rotti di batterie da balera sbattuti per terra. Altro che arpe celestiali. Musica! Musica con tutto quanto, con gli oggetti, con le stanze.

No, certo che non esiste, che è un'invenzione di chissacchì. Pero mettiamo che arriva pure il sig. Padreterno: allora a lui non gliele suoni. Gliele canti. Gli canti  "Ho visto un re". Così lo fai scappare. 




E poi ripigli lo scotch, le sèggiole, i piattacci, 'gniòsa. E giù come prima. E quel Vastissimo Nulla, d'improvviso, si riempie.

lunedì 13 maggio 2019

Manifesto del Terraquadratismo.



Cari amici Terrapiattisti, che così tanto successo state avendo in questi ultimi tempi, secondo me vi sbagliate. La Terra, infatti, non è piatta, e smettetela con queste sciocchezze: la Terra è quadrata, ecciollepròve.

La prima (e più importante) prova, è che mi sono rotto i quadriglioni di girare da vent'anni e rotti per l'Internet e di non avere creato niente a parte un blogghino sperduto nel nulla. Ho quindi deciso, finalmente, di dare inizio a qualcosa di veramente importante, per il quale la presente data del 13 maggio 2019 e questo post verranno ricordati per l'eternità. Il resto delle prove, per ora, non lo dico; a parte una, che attiene all'ovvietà delle cose. Di uso comune sono espressioni come "ai quattro angoli del mondo" o "ai quattro lati della terra", e ditemi un po' voialtri se avete mai visto una sfera con gli angoli e i lati. Un po' di buonsenso, suvvìa; che la Terra sia quadrata lo dice la voce di' pòpolo, e i' popolo ha sempre ragione. Anche voi Terrapiattisti, del resto, dalla rotondità non vi staccate affatto: la Terra sarà anche piatta, ma sempre rotonda la rappresentate.

Naturalmente, vorrei subito sgomberare il campo anche da ogni possibile accusa di antiscientismo, e di attentato alla geometria. So bene che la Terra non è propriamente "quadrata", bensì cubica; così come gli esecrandi Terrarotondisti in maggioranza sanno bene che in realtà, secondo loro, sarebbe sferica. Ma si tratta di comuni denominazioni di comodo, ove la geometria piana prevale nel sentimento popolare su quella solida. Così come "rotonda" equivale a "sferica", "quadrata" equivale a "cubica". Potrei al limite accettare la vostra tesi, cari Terrapiattisti, se almeno dichiaraste che la Terra è piatta e quadrata, come uno di quei famosi piatti da cucina neri dell'IKEA. Potrebbe essere un compromesso accettabile. Ma sul Quadratismo della Terra non accetto contraddittori.

Come tutti voi saprete, l'incontrovertibile verità della Terra Quadrata viene nascosta ai suoi abitanti oramai da secoli, abbinata a tutta una serie di menzogne astronomiche frutto di complotti capillari e ben orchestrati. Uno di questi riguarda la cosiddetta "Luna". Sulla rotondità della luna non possono esistere dubbi, dato che tutti noi la vediamo in cielo ogni sera, mirabile esempio di geometria cosmica che fa girare un cerchio attorno a un cubo. Ma la Luna, lei sì, è in realtà piatta. Non esiste nessuna "faccia nascosta"; nascondersi la faccia ammodino dovrebbero casomai farlo tutti coloro che hanno portato avanti, e continuano a diffondere, questa falsità.

Con gli amici Terrapiattisti, ai quali raccomanderei di trasformarsi all'istante (già da ora che sono a congresso a Palermo) in Lunapiattisti e di incamminarsi assieme a me sui quadrati destini del Pianeta, posso certamente condividere alcune appurate tesi complottistiche. Sono certamente d'accordo sul fatto che essersi fidati di un pisano, tale Galileo Galilei, sia stato un errore storico di cui ancora paghiamo le conseguenze; i lodevoli tentativi di Santa Madre Chiesa Cattolica & Apostolica di metterlo a tacere non hanno purtroppo sortito gli effetti sperati. Godevano, egli e quel suo sodale polacco che osò mettere in dubbio che il Sole girasse intorno alla Terra (Quadrata), di appoggi potentissimi, in grado di sconfiggere anche il Magistero della Chiesa; appoggi che si sono perpetuati nei secoli.

Da Copernico a George Soros, dal misterioso complotto Antiquadratista perpetrato da miriadi di pseudoscienziati, da una Chiesa oramai appiattita (ebbene sì!) sulle posizioni mainstream alla bieca senzadìo Margherita Hack, la Verità che viviamo sulla superficie di un cubo è stata sapientemente celata; ma è ora che, finalmente, essa torni alla luce di quel Sole che, piatto anch'esso, gira attorno al nostro perfetto Cubo.

Ora mi direte senz'altro, cari Terrapiattisti, che non avrei che da fare una cosa sola; perché lanciare questo decisivo manifesto del Terraquadratismo da un blog of the cabbage, che nessuno lo legge? Perché non ti fai la tua bella pagina Facebook, "La Terra è Quadrata!" (The Earth is Square!), entrando nel màgico mondo degli eventi, delle Amicìzzie, delle taggate, delle condivisioni e dei gruppi? Potresti così essere del tutto certo che, in men che non si dica, troveresti una marea di imbecilli che ti seguono a livello planetario, senza naturalmente calcolare tutti gli altri social che verrebbero investiti di riflesso. Dopo un po' parlerebbe di te anche "Repubblica" e ti farebbe scrivere gli articoli contro dai massimi scienziati italiani; diventeresti un fenomeno mondiale. Altro che blogghino!

Eh sì, lo so. Ma, debbo dirlo, io ho un temperamento fondamentalmente romantico. Mi piace poter pensare che la Verità della Terra Quadrata nasca (o rinasca) proprio da questo luogo sperduto nella Bloggosfera (la quale, va da sé, è anch'essa rigorosamente quadrata: la dittatura della Sfera ha invaso tutto!). Che la Verità si propaghi quindi goccia a goccia, poco a poco, per tramite di accessi casuali, di ricerche Google che da impostazioni tipo "scambio mogli mariti cuckold" o "risultati cricket India-Pakistan 1976" portano fino a qua (è successo!), di cosmica confusione come preconizzata dal saggio Eraclito.

Esiste, inoltre e purtroppo, il rischio che, sui predetti Social, qualcuno ci abbia già pensato; e che, in realtà, la Verità della Terra Quadrata già circoli abbondantemente. Insomma, come si suol dire, che io, col mio blogghino, sia in realtà arrivato èsimo. Se ne venissi a conoscenza, sappiate comunque che non demorderò. Andrò avanti, in tale caso, con un'altra possibilissima Verità: la Terra è Triangolare. E anche qui ci avrei le prove: il triangolo, come del resto lo stesso numero 3, non è da sempre simbolo della perfezione celeste? E la Santa Trinità? E lo chiamavano Trinità? E Trinitàpoli? E il Ponte a Santa Trìnita? Tutti simboli che non possono che riferirsi ad una sola cosa.


Ma anche qui, nel Quadrato Universo dei Social, potrebbe darsi che qualcuno ci abbia già pensato. Non resterebbe che attenersi alle fotografie della NASA, la quale ha ripreso (con foto sconvolgenti, ovviamente tenute top secret da complotti orchestrati da Donald Trump, Mao Tse Tung, Ho Chi Minh, Paolo VI, Luther Blissett, Santa Teresa di Calcutta, Santa Teresa di Gallura, Fabrizio Corona e dallo staff del Game of Thrones), la vera e indubitabile forma del nostro Pianeta, la quale fotografa al tempo stesso anche tutto quanto l'Universo dei Social Media :



Ma la Terra è quadrata, e comincia da qui il suo viaggio; sarà lungo e non ne vedrò la fine. Non gusterò il trionfo. A voi, oggi 13 maggio 2019, consegno questo Manifesto, che un giorno sarà Storia. Un felice giorno ci renderemo tutti, finalmente, conto di aver vissuto e di vivere su un Cubo, e qui vi lascio.


martedì 7 maggio 2019

It was the seventh of May, on the election day




Francesco (Franco) Serantini was born in Cagliari on Sardinia on 16th July 1951 and abandoned at birth. He was given both his names by an official of a literary bent or a priest or policeman who had seen in the paper recently mention of the Romagnol writer of the same name, an author of picturesque novels, one of which was I Bastardi.

He was adopted at the age of two by a childless couple. After the death of the adoptive mother he went to live with his maternal grandparents at Campobello di Licata. At the age of 9, he was transferred to an institution in Cagliari.

In 1968 he was sent to the Institute for the Observation of Minors and from there to the Pietro Thouar reformatory of Pisa which had an open regime, where he had to eat and sleep in the institution. He went on to attend a school of business accounting in Pisa. Student life opened him up to new and radical ideas and he began to take an interest in the youth organizations of the Communists and Socialists, before joining the leftist group Lotta Continua and finally arriving at anarchism and activity in the Giuseppe Pinelli anarchist group which had its centre in via San Martino in autumn 1971.

At that time in 1968, Pisa, with Trent and Turin, was one of the centres of student radicalism.

Franco was intensely active in the various political activities of the period, including the Red Market in the working class neighbourhood of Cep, where fruit and vegetables were sold at low prices to the poor, in various anti-fascist activities, and in the campaigns for the liberation of framed anarchist Pietro Valpreda.

On the 5 May 1972 he took part in the anti-fascist demonstration called by Lotta Continua against the meeting of Giuseppe Niccolai of the fascist party MSI. The demonstration was attacked by the police. Franco found himself surrounded by a group of mobile police of the 3rd and 4th platoons of the 3rd Company of the Ist Raggruppamento Celere di Roma and was severely beaten.

From there he was taken to the police barracks and then on to the Don Bosco prison. There he was interrogated and beaten again. The examining judge, the jailers and the prison doctors did not regard his injuries as serious.

After two days of agony he was found in a coma on 7th May and transferred to the prison clinic where he died at 9.45am.

The afternoon of the same day the prison authorities tried to obtain the quick burial of Franco. The court turned this down, whilst news of Franco’s death spread through Pisa. Luciano Della Mea, an anti-fascist militant, together with the lawyer Massei, asked for the body to be delivered up.

After the autopsy, the lawyer Giovanni Sorbi emerged and announced that he had been traumatised by what he saw. The chest, shoulders, arms and head of Franco were covered in blood, and not an inch of his body had been left untouched. Franco’s funeral on the 9th May saw a huge demonstration. The veteran anarchist Cafiero Ciuti gave a speech at the graveyard, followed by a Lotta Continua militant and a member of the Durruti anarchist group of Florence (Cinti was a retired railway worker, an Ardito del popolo in 1921, sacked by the fascists in 1924). The old anarchist song Sons of the Factories was sung at the graveside.

On 13th May a huge demonstration called by Lotta Continua took place. Gianni Landi spoke for the anarchists and Adriano Sofri for Lotta Continua. The demonstration finished at the last residence of Franco before his death and a plaque was put up there.

Demonstrations took place regularly in memory of Franco every year. In Turin a school was named after him, and in 1982 the San Silvestro square in Pisa was renamed Piazza Franco Serantini with a monument donated by the marble workers of Carrara.

All attempts to bring the police officers to justice ground to a halt in the courts. Despite this, the campaigning of the anarchist movement and Lotta Continua kept the murder of Serantini in the public eye. The Justice for Franco Serantini Committees, the ballad Ballata per Franco Serantini by Piero Nissim, and the book on Serantini’s life by Corrado Stajano made sure that Franco’s memory was not forgotten.





THE BALLAD OF FRANCO SERANTINI
La ballata di Franco Serantini
Written by Piero Nissim
Rewritten in English by Riccardo Venturi, May 7, 2019.

It was the seventh of May, on the election day,
The first results, as you see, are coming from the jails.
There was a comrade who lay there dead
And he was only twenty years old.
There was a comrade who lay there dead
And he was only twenty years old.


A meeting was scheduled with fascist Niccolai,
Franco and his comrades resolv'd to bar him the way:
“We have to stop him, happen what may,
That filthy fascist mustn't speak today.”
We have to stop him, happen what may,
That filthy fascist mustn't speak today.”


Franco was caught by the cops on Gambarcorti quay,
Those serfs of the State beat him until he lay.
“And now, you fuckin' reds finally understand
That you can die if you against us stand!”
And now, you fuckin' red finally understand
That you can die if you against us stand!”.


And later, left to the mercy of Zanca and Ballardo,
Franco was beaten again by the cops and the wardens:
“I already warn'd you six months ago”,
Zanca says beating him without pity.
“I already warn'd you six month ago”,
Zanca says beating him without pity.


Franco lies alone in jail, now he feels he is dying
When an attorney comes to the cell where he's lying.
He then asks Franco: “What brought you there?”
“The idea of freedom; that's why I'm dying here.”
He then asks Franco: “What brought you there?”
“The idea of freedom; that's why I'm dying here.”


They suddenly hurry up, you're dangerous even dead,
An operation's launched to bury you with speed.
“He's only an orphan, let's get rid of him,
Nobody will come and reclaim his body.”
”He's only an orphan, let's get rid of him,
Nobody will come and reclaim his body.”


But all your hopes crashed, all your tricks were in vain.
The day Franco was buried, three thousand comrades say:
“Here's our will, here's our promise
That our struggle will never cease.” 
Here's our will, here's our promise
That our struggle will never cease.”


It was the seventh of May, on the election day,
The first results, as you see, are coming from the jails.
There was a comrade who lay there dead
And he was only twenty years old.
There was a comrade who lay there dead,
Dead for our freedom; his light will spread.